• Home
  • BAKER & MCKENZIE: Convertito in legge il decreto Milleproroghe 2017

News Legali

BAKER & MCKENZIE: Convertito in legge il decreto Milleproroghe 2017

nuovo_logo_baker.png

 

Cari Soci,

il 9 marzo 2017 è stato approvato dalla Camera il disegno di legge "Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato", il quale passa ora all'esame del Senato per l'approvazione definitiva.

Tale provvedimento, con il suo intento di dettare un'esauriente complesso di norme per il lavoro autonomo, disciplina numerose e distinte aree di interesse per i lavoratori autonomi.

Viene, innanzitutto, rinforzata la tutela del lavoratore nei confronti del committente, attraverso le seguenti previsioni:

• estensione al lavoratore autonomo delle disposizioni contro i ritardi nel pagamento dei compensi;

• inefficacia delle clausole che attribuiscono al committente la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni del contratto e di quelle che permettono allo stesso di recedere dal contratto senza congruo preavviso;

• inefficacia delle clausole con cui le parti concordano termini di pagamento superiori a 60 giorni;

• diritto allo sfruttamento economico degli apporti originali ed invenzioni realizzati durante l’esecuzione del contratto.

Da un punto di vista previdenziale, invece, sono state introdotte le seguenti norme:

• riconoscimento dell’indennità di maternità alle lavoratrici iscritte alla gestione separata indipendentemente dall'effettiva astensione dall’attività;

• fruizione del congedo parentale fino ad un massimo complessivo di 6 mesi tra entrambi i genitori entro i primi 3 anni di vita del bambino;

• possibilità per il lavoratore che presta la sua attività in via continuativa per il committente di chiedere la sospensione della collaborazione durante gravidanza, malattia o infortunio, senza diritto al corrispettivo, per un periodo non superiore a 150 giorni per anno solare, fatto salvo il venir meno dell’interesse del committente;

• possibilità per la lavoratrice autonoma di farsi sostituire durante la maternità da un collega di fiducia, in possesso dei requisiti professionali richiesti, previo consenso del committente;

• istituzione dell'indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi iscritti alla gestione separata dell'Inps (Dis-coll) per tutti gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1° luglio 2017.

Infine, per quanto riguarda l'area fiscale, è stato previsto:

• l'integrale deducibilità, entro determinati limiti annui, delle spese di formazione e degli oneri sostenuti per l’assicurazione contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro;

• l'esclusione dal reddito imponibile ai fini Irpef per le spese di vitto e alloggio sostenute dal lavoratore autonomo e addebitate analiticamente al committente, nonché per tutte le spese relative ad un incarico sostenute direttamente dal committente.

 

Per ulteriori informazioni:

avv. Uberto Percivalle

Partner, Milan

T +39 0276231 330

uberto.percivalle@bakermckenzie.com

avv. Sergio Antonelli

Senior Associate, Milan

T + 39 0276231 329

sergio.antonelli@bakermckenzie.com

dott.ssa Cristina Brevi

T + 39 02 76231 490

cristina.brevi@bakermckenzie.com

Icono economia blanco
 

Informazione
Economica e Politica